MONDADORI
collana "B.E.M. - Il Girasole" (1957-1960 - telati verde)



Le Fils Cardinaud (1942, Gallimard)
Sangue alla testa
Traduzione di Federico Federici

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 75 | Prima edizione: settembre 1957 | 165 pagine | 11 x 18,5 cm.

A prezzo di immensi sacrifici, Uberto Cardinaud è riuscito a salire nella scala sociale. Nato poverissimo, oggi gode di una certa agiatezza, ha la sua famigliola, una bella casa, le scappellate dei conoscenti e gli inchini dei bottegai. Quand'ecco che la sua preziosa rispettabilità è posta in pericolo da un terribile incidente: la fuga della moglie. Perché se ne è andata? Dove sarà? Il borghese prestigio di Cardinaud sta per sfasciarsi come un castello di carte; adesso ogni sguardo, ogni saluto avranno, piú o meno evidente, sapore di scherno. Il terrore dello scandalo, l'orgoglio ferito e un po' di genuina afflizione cospirano a fare di Cardinaud un perfetto detective. Dopo una febbrile indagine ricca di acute notazioni psicologiche e sempre sospesa al filo dell'imprevisto, l'infelice marito potrà placarsi. Con Sangue alla testa Simenon aggiunge una nuova gemma alla serie dei suoi capolavori.

Capitoli
I - II - III - IV - V - VI - VII - VIII




L'Évadé (1936, Gallimard)
L'evaso
Traduzione di Egidio Bianchetti

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 79 | Novembre 1957 | 180 pagine | 11 x 18,5 cm.
- Prima edizione: "Opere di Georges Simenon", ottobre 1938
- Riedizione: "B.E.M. - Il Girasole", novembre 1957

La fugace visione dì una donna per strada; ed ecco che la tranquilla, metodica vita di Gian Paolo Guillaume, detto G.P.G., professore di tedesco al gìnnasio di La Rochelle, è come investita da un uragano. Nemesi implacabìle, riaffiora tutto un passato turbinoso; l'antica macchia torna davanti agli occhi, dilaga ripugnante, scuote il colpevole dal torpore nel quale aveva cercato rifugio... G.P.G. non avrebbe che da proseguire per il proprio cammíno: la testimone degli eventi lontani non lo ha veduto, non lo riconosce. Aspetta, G.P.G., e sarai salvo! Aspetta, che nulla nel mondo che ti sta ìntorno è mutato. Soltanto un po' di pazienza! No, la Nemesi è "dentro di lui", e Simenon, con la sua arte sottile, ci conduce passo passo, alle spalle di G.P.G., verso la conclusione fatale.

Capitoli
I - II - III - IV - V - VI - VII - VIII - IX - X - XI




45° à l'ombre (1936, Gallimard)
45° all'ombra
Traduzione di Egidio Bianchetti

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 83 | Gennaio 1958 | 182 pagine | 11 x 18,5 cm.
- Prima edizione: "Opere di Georges Simenon", gennaio 1938
- Riedizione: "B.E.M. - Il Girasole", gennaio 1958

Catastrofe? Catastrofe per la nave e per l'umanità che la popola: colonizzatorí che l'Africa ha indurito o, al contrario, prosciugato d'ogni vigore, avventurieri, ufficiali in licenza, mandre di apatici coolis decimati dalla febbre... Catastrofe per quell'Huret che, imbarcatosi con la moglie piena di rancore e il figlio moribondo, passa dalla nauseante prostrazione  del mal di mare, alla vorticosa esaltazione del giuoco, dell'avventura. E il galante commissario; le signore i cui sigilli morali si sciolgono con grande facilità al sensuale calore dei tropici; il medico di bordo, augure scettico e generoso; la particolare "accelerazione" impressa alle reazioni psicologiche di ciascuno dal senso deI pericolo incombente... In questa atmosfera, tra questi personaggi Georges Simenon svolge una vicenda ricca, appassionante e, soprattutto, "vera".

Capitoli
I - II - III - IV - V - VI - VII - VIII - IX - X - XI




Les Suicidés (1934, Gallimard)
La fuga
Traduzione di Guido Cantini

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 87 | Marzo 1958 | 188 pagine | 11 x 18,5 cm.
- Prima edizione: "Opere di Georges Simenon", settembre 1938
- Riedizione: "B.E.M. - Il Girasole", marzo 1958

"Perché non dovrei. amarti? Sei ner voso, violento, ma so bene che non è per cattiveria." "...era sempre stato colmo d'ira; sempre aveva provato il bisogno di farsi del male tentando di far male agli altri." Lei si chiama Giulietta, e lui potrebbe chiamarsi Romeo, tanto è sensibile l'accostamento, sul piano poetico, agli amanti immortalati da Shakespeare. La dífferenza è che qui siamo nel nostro secolo, a Parigi, nella metropoli immensa e febbrile, sorda alle piccole e grandi passioni dei formicolanti insetti umani che la popolano. Il doloroso e umanissimo romanzo di Juliette e di Emile, iniziato come un idillio provinciale e finito in un fatto di cronaca nera, ci è narrato da Simenon in quel "tono minore" che per contrasto rende piú intensa l'emozione, la commozione; e nella penetrante indagine della psiche dei giovani costituisce un severo ammonimento sociale.

Capitoli
I - II - III - IV - V - VI - VII - VIII - IX




Les frères Rico (1952, Presses de la Cité)
I fratelli Rico
Traduzione di Bruno Just Lazzari

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 91 | Prima edizione: maggio 1958 | 188 pagine | 11 x 18,5 cm.

I tre fratelli Rico, oriundi siciliani, hanno fatto fortuna in America. Dalle misere stanzette di Brooklyn che hanno visto i  loro giochi e le loro tragedie infantili, sono arrivati all'automobile, alla villa e al conto in banca. Come? Lavorando, ciascuno con le mansioni piú consone al suo temperamento, in una grande organizzazione gangsteristica. Eddie amministra e "protegge" tutte le attività illegali in una parte della Florida; Gino, meno bravo in ragioneria, uccide a pagamento. E nello stesso ramo di Gino lavora il piú giovane, Tony, finché l'amore per una buona ragazza non lo induce ad abbandonare la gang. Ma l'organizzazione ha le sue leggi spietate: Tony potrebbe rivelare molte cose alla polizia, quindi deve essere "neutralizzato". I fratelli si trovano di fronte allo stesso spaventoso problema. Le reazioni di ciascuno, il conflitto tra affetto fraterno e paura, tra interessi e sentimenti, danno luogo a un racconto tenero e crudele, talvolta commovente e sempre pieno di tensione. Nell'omonimo film, prodotto da Phil Carson, Richard Conte ci ha dato un'interpretazione superba.

Capitoli
I - II - II - IV - V - VI - VII - VIII - IX




La mort de Belle (1952, Presses de la Cité)
La morte di Belle
Traduzione di Bruno Just Lazzari

BIBLIOTECA ECONOMICA MONDADORI
Arnoldo Mondadori Editore | B.E.M. - Il Girasole - N. 95 | Prima edizione: luglio 1958 | 189 pagine | 11 x 18,5 cm.

La tragica morte di Belle importa soprattutto perché avviene in casa di Spencer Ashby, modesto insegnante in una cittadina americana di provincia, sposato con una donna cosí cosí, affezionato ai suoi allievi e al bugigattolo dove, nelle serate libere, si diletta lavorando al tornio. Spencer non ha ucciso Belle, anzi si può dire che in realtà l'ha "veduta" davvero soltanto da morta, ma proprio questa circostanza lo piomba in una ossessionante crisi psicologica, perché egli "sa che avrebbe potuto uccíderla". A poco a poco Ashby scivola in un incubo dove si accavallano realtà e fantasia, passato e presente, e dove ogni parola del magistrato inquirente, del medico legale, del vicino di casa sembra contenere minacciose allusioni, recondite accuse. E infine colui che era materialmente innocente diventerà materialmente colpevole, travolto da un destino che suscita pietà.

Prima Parte
I - II - III - IV V
Seconda Parte
I - II - III - IV